Warning: Declaration of Works_Walker::start_el(&$output, $category, $depth, $args) should be compatible with Walker_Category::start_el(&$output, $category, $depth = 0, $args = Array, $id = 0) in /web/htdocs/www.fondazionebdmfoggia.com/home/wp-content/themes/elogix/functions.php on line 173

Warning: Parameter 2 to gridfx_posts_where() expected to be a reference, value given in /web/htdocs/www.fondazionebdmfoggia.com/home/wp-includes/class-wp-hook.php on line 298
Stele Daunia, il contributo della Fondazione | Fondazione Banca del Monte di Foggia
Per informazioni e contatti: info@fondazionebdmfoggia.com, ufficiostampa@fondazionebdmfoggia.com; tel./fax 0881.712182.
Open
X

Stele Daunia, il contributo della Fondazione.

Stele Daunia, il contributo della Fondazione

Comunicati stampa

La Fondazione Banca del Monte di Foggia rende noto di aver aderito e di sostenere con entusiasmo la raccolta fondi promossa per riportare una preziosa stele Daunia in Capitanata.

Si tratta di un caratteristico monumento funebre della civiltà dei Dauni, risalente al VII-VI secolo avanti Cristo, una lastra rettangolare in pietra calcarea alta circa 62 centimetri, composta da più frammenti.

Come ben noto, la stele è stata intercettata da alcuni giovani archeologi del territorio sul catalogo della casa d’aste londinese Bertolami: dopo la scoperta, gli stessi studiosi hanno lanciato su Facebook una sottoscrizione popolare che ha subito fatto registrare molto entusiasmo e numerose adesioni, tra cui quella della Fondazione Banca del Monte di Foggia e della Fondazione Apulia Felix, che a sua volta ha rilanciato l’iniziativa e contribuito alla formulazione dell’offerta che si è aggiudicata il pezzo, durante l’asta della scorso 24 marzo. La stele, infatti, tornerà “a casa” e sarà esposta ad Ordona a partire dal prossimo 26 aprile, in occasione dell’inaugurazione del nuovo Museo Archeologico di Herdonia.

“La Fondazione Banca del Monte – ha dichiarato il presidente, professor Saverio Russo – ha aderito alla raccolta fondi per riportare la stele in provincia perché apprezza, sostiene ed incoraggia queste forme di responsabilizzazione del territorio e dell’opinione pubblica, come già dimostrato negli anni passati ed anche più recentemente, in occasione del progetto “Luci su ParcoCittà”.